• Italiano
  • English
  • Français

Si avvisa la gentile clientela che per garantire la sicurezza del nostro personale, nel rispetto delle misure previste in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, l’accesso al laboratorio sarà limitato ad un numero ridotto di tecnici. Per le analisi sono necessari minimo 7 giorni lavorativi. Precisiamo comunque che l’allungamento delle tempistiche non influisce sulla riuscita dell’analisi.

Per maggiori informazioni è possibile contattare il servizio clienti al numero 371 180 9921 (chiamate e whatsapp) o via email all’indirizzo ufficio@fem2ambiente.com.

Servizi di diagnostica
molecolare per l'avifauna
SERVIZIO CLIENTI:
dal lunedì al venerdì (9.30-18.30)
ufficio@fem2ambiente.com
371 180 9921 (chiamate e WhatsApp)
02 6448 3386
Slider

Campioni necessari per le analisi.

Le analisi di sessaggio, Polyomavirus (APV) o Circovirus (BFDV) possono essere eseguite su campioni di penne o sangue.

Le analisi di ricerca del batterio di Clamidia possono essere effettuate su tamponi cloacali o campioni di feci.

I campioni devono essere inseriti in una bustina trasparente (ad esempio quelle per i surgelati) ben chiusa in modo da impedirne la fuoriuscita.

1) Campioni di penne

Il campionamento è un presupposto fondamentale per il buon esito dell’analisi e per questo motivo deve essere effettuato con la massima accortezza.

Per consentire una corretta esecuzione dell’analisi e il rispetto delle tempistiche previste è necessario che i campioni siano in possesso di alcuni requisiti indispensabili.

QUALI SONO I REQUISITI MINIMI RICHIESTI PER I CAMPIONI DI PENNE?

  • Il calamo deve essere integro, non tagliato e di lunghezza superiore a 3 millimetri.  Il DNA è contenuto esclusivamente in questa parte della penna. Non è possibile garantire la riuscita dell’analisi su campioni che non rispecchiano questi requisiti in quanto il materiale genetico estratto potrebbe risultare insufficiente.
  • Evitare il contatto tra penne di soggetti diversi per impedire contaminazioni. I campioni di ogni soggetto devono essere accuratamente separati. Si consiglia di inserire i campioni in sacchetti di plastica, chiusi bene, per evitare la fuoriuscita del materiale e il contatto con le altre penne anche durante la spedizione.
  • Avvolgere le penne in crescita o presentanti materiale ematico in un foglio di carta assorbente . Questa procedura riduce le possibilità di degradazione del DNA.

Si ricorda inoltre che è necessario lavare le mani tra un prelievo e l’altro o cambiare i guanti.

  • Le penne cadute spontaneamente non sono idonee. I campioni devono essere prelevati direttamente dal soggetto, non devono essere raccolte ad esempio dal fondo della gabbia. Le penne cadute hanno perso gran parte del materiale genetico e sono soggette a contaminazione.

QUALI PENNE PRELEVARE?

Le penne necessarie per l’analisi variano a seconda della specie di riferimento.

  1. Esemplari di taglia piccola (10-15 cm circa), come inseparabili, cardellini, canarini: 2 penne della coda e/o delle ali e 2 piume dal petto.

Di seguito alcuni esempi di campioni idonei di soggetti di taglia piccola.

2) Esemplari di taglia media (25-35 cm circa)  come cacatua, conuri, parrocchetti, cenerini, calopsite, lorichetti: 2 penne dal sottocoda + 2 dal petto.

Di seguito alcuni esempi di campioni idonei di soggetti di taglia media. Clicca sull’immagine per ingrandire.

  • Esemplari di taglia grande (superiore a 40 cm) come Ara, Rapaci, Oche, Struzzi: 2 piume del petto e 2 piume dei fianchi.

Di seguito alcuni esempi di campioni idonei di soggetti di taglia grande. Clicca sull’immagine per ingrandire

Di seguito alcuni esempi di CAMPIONE NON IDONEO

DA QUANDO È POSSIBILE ESEGUIRE IL SESSAGGIO DA PIUMA?

L’analisi può essere effettuata dal momento in cui spuntano le prime penne in crescita. Questa tipologia di penne è ricca di materiale genetico. Attenzione! Il piumino non è idoneo.

Alcuni esempi di penne in crescita idonee.

2) Campioni di sangue

L’analisi può essere effettuata su campioni di sangue conservati in provette con anticoagulante o su qualche goccia posta su un foglio di carta bianca o carta assorbente.

E’ fortemente consigliato far eseguire questa procedura ad un veterinario.