Servizio clienti:
Da lunedì a venerdì 9.30-13.00 14.00-18.30
Telefono: 02 6448 3386 | WhatsApp: 371 180 9921 | Email: ufficio@fem2ambiente.com

Quante specie di uccelli ci sono nel mondo?

Nel 2016 i ricercatori dell’American Museum of Natural History  di New York hanno condotto uno studio volto a stimare il numero di specie ornitologiche presenti in tutto il mondo. La ricerca in questione si differenzia da quelle svolte fino a quel momento per la metodologia utilizzata. Gli studi più classici si focalizzavano esclusivamente sulle caratteristiche morfologiche degli esemplari presi in considerazione mentre lo studio condotto dai ricercatori statunitensi prende in considerazione il loro DNA.

Le analisi genetiche hanno permesso di individuare differenze anche in quei soggetti che all’apparenza sembravano risalire alla stessa specie, portando così alla luce una biodiversità rimasta fino ad ora nascosta. Il numero di specie identificato è quindi raddoppiato, passando da circa  9.000 a circa 18.000, con importanti implicazioni anche per la loro salvaguardia e gestione.

La presenza di un così elevato numero di profili genetici ci permette di capire perché anche nelle analisi di determinazione del genere (sessaggio) tramite DNA sia così importante specificare con accuratezza la specie di appartenenza di un soggetto.

La presenza di profili genetici differenti tra specie diverse implica che ognuna di esse dovrà  essere analizzata in modo differente. In alcuni casi questi possono risultare simili e riconducibili alla stessa metodologia di analisi e di interpretazione del risultato, come nel caso dell’Agapornis roseicollis (inseparabile) e del Carduelis carduelis (cardellino). Altre specie possono invece discostarsi molto, ad esempio quando  appartengono ad ordini diversi. Possiamo trovare grandi differenze tra l’ordine degli Psittaciformes (pappagalli), i Passeriformes (cardellini, corvi, canarini) i Columbiformes (colombi), gli Strigiformes (rapaci notturni), gli Anseriformes (anatre, cigni, oche), gli Struthioniformes (struzzi, emù, nandù).

È questo il motivo per cui chiediamo sempre di specificare la specie di appartenenza dei vostri soggetti prima di effettuare l’analisi.

Qui trovate l’articolo completo: How Many Kinds of Birds Are There and Why Does It Matter?

Trackback dal tuo sito.

Lascia un commento

FEM2-Ambiente