Servizio clienti:
Da lunedì a venerdì 9.30-13.00 14.00-18.30
Telefono: 02 6448 3386 | WhatsApp: 371 180 9921 | Email: ufficio@fem2ambiente.com

Archivio Autore

Il Polyomavirus aviare (APV) e le analisi del DNA

Il Polyomavirus aviare (APV) è noto per essere l’agente causativo della malattia dei pulli: si tratta di un virus molto contagioso diffuso in tutto il mondo, che colpisce principalmente gli Psittaciformi. È stato identificato per la prima volta all’inizio degli anni ‘80 in soggetti appartenenti alla  specie Melopsittacus undulatus (cocorita), ma molti studi epidemiologici effettuati fino ad oggi hanno dimostrato la sua capacità di infettare anche altre specie di pappagallo come ad esempio Inseparabili, Parrocchetti dal collare, Are, Conuri ed Ecletti. 

Leggi Tutto

Il circovirus aviare (BFDV) e le analisi del DNA

Il circovirus aviare, indicato con l’acronimo BFDV (Beak and Feather Disease Virus), è il virus responsabile della malattia del becco e delle piume degli psittacidi, conosciuta anche con l’abbreviativo PBFD (Psittacine Beak and Feather Disease), i cui sintomi caratteristici sono perdita di penne e deformità a carico del becco e degli artigli.

La PBFD è una tra le malattie virali più comuni nei pappagalli. Può colpire soggetti di tutte le età e taglie come: ara, cenerini, cacatua, inseparabili, calopsite, cocorite e parrocchetti, …

Leggi Tutto

Presenza di sangue sui campioni e difficoltà nell’esecuzione delle analisi.

Uno dei problemi che più comunemente riscontriamo durante l’esecuzione dei test molecolari per il sessaggio è la degradazione del DNA dovuta alla presenza di sangue sui campioni di penne da sottoporre ad analisi. 

Generalmente, il materiale ematico contiene un quantitativo di DNA maggiore rispetto a quello rinvenibile nei calami delle penne. Tuttavia la presenza di sangue rappreso su quest’ultima tipologia di campioni, soprattutto nelle penne più mature o nelle penne più giovani, è dovuto alla morte delle cellule, con conseguente degradazione del DNA. 

Leggi Tutto

IL DNA: cos’è, quando si forma e come si degrada

DNA
Fig. 1: Rappresentazione di una molecola di DNA

Il DNA o acido desossiribonucleico (in inglese DeoxyriboNucleic Acid) è la molecola che contiene le informazioni genetiche ed ereditarie di ogni essere vivente. Questa si trova all’interno di ogni cellula, che sia animale , vegetale o batterica; anche alcuni virus, come il Polyomavirus ed il Circovirus aviare, responsabile della malattia del becco e delle penne (BFDV), sono provvisti di DNA,  nonostante essi non siano a tutti gli effetti da considerare come esseri viventi, in quanto non hanno un proprio metabolismo e non riescono ad accrescersi e moltiplicarsi autonomamente.

Il DNA è composto da alcune subunità legate tra loro chiamate nucleotidi, a loro volta composti da una molecola di acido fosforico, una di desossiribosio (uno zucchero) e una base azotata: adenina (A), timina (T), guanina (G) e citosina (C). Queste legandosi tra loro formano la struttura a doppia  elica del DNA (fig.1). 

Il DNA è la base fondamentale della vita e contiene tutte le informazioni uniche di un essere vivente come il sesso, il colore delle penne, la specie di appartenenza o la forma del becco.

Leggi Tutto

Il sessaggio molecolare spiegato “in breve”

Il sessaggio molecolare consente di determinare il genere (maschio o femmina) di un soggetto attraverso l’analisi di una porzione del suo DNA. Questa tipologia di test è particolarmente utile in campo ornitologico in quanto permette di pianificare accuratamente e precocemente gli accoppiamenti, l’assortimento delle coppie, la vendita e lo scambio di soggetti. È efficace anche in quelle specie che non presentano differenze morfologiche o di comportamento fino ad una determinata età o addirittura per tutta la vita. Inoltre l’osservazione del comportamento può essere falsata da diversi fattori come: comportamenti anomali, cicli di luce che non garantiscono il raggiungimento dei corretti livelli ormonali o poco tempo a disposizione per l’osservazione dei soggetti.

Ma come si esegue il sessaggio molecolare?

Fase 1: Ricevimento e valutazione del campione

Un buon campione è fondamentale per la riuscita del test. Prima di sottoporre il campione ad analisi i nostri tecnici di laboratorio eseguono una valutazione visiva preliminare del campione per valutarne l’idoneità. Campioni con calamo assente o di dimensioni ridotte (inferiore a 3 mm) o un’eccessiva presenza di sangue così come la presenza di materiale organico o inorganico, possibile fonte di inibitori, rendono quasi impossibile la riuscita dell’analisi. In questi casi viene quindi richiesto immediatamente al cliente l’invio di una nuova campionatura.

Leggi Tutto

Allocco zamperosse

Nome comune: Allocco zamperosse

Nome scientifico: Strix rufipes

Famiglia: Strigidi

Ordine: Strigiformes

Origine: America del Sud (Cile e Argentina).

Habitat naturale: in natura, l’allocco dalle zampe rosse vive in zone umide e ricche di vegetazione, principalmente nelle foreste montane, tropicali e sub-tropicali e nelle zone di pianura semi aperta. Si nutre di piccoli mammiferi, uccelli, anfibi ed insetti.

Leggi Tutto Nessun Commento

Spedizione tramite Posta 1

Negli ultimi mesi abbiamo ricevuto alcune segnalazioni di mancata corrispondenza tra quanto indicato dal sistema di tracking di POSTA1 e lo stato di avanzamento dell’ordine sul nostro sito.

Nel dettaglio le buste risultano consegnate dal sistema postale e non ancora pervenute secondo il nostro sistema. Abbiamo provveduto ad approfondire la situazione con Poste Italiane e informiamo che la mancata corrispondenza è dovuta al fatto che il sistema postale considera la buste consegnate nel momento in cui vengono registrate nel centro postale più vicino (nel nostro caso Precotto).

Leggi Tutto Nessun Commento

Pernice dal Collare

Nome comune: Pernice dal Collare

Nome scientifico: Arborophila gingica

Famiglia: Phasianidae

Ordine: Galliformes

Origine: Asia, Sud est della Cina

Habitat naturale: Zone boschive o foreste di bamboo situate ad un’altezza compresa tra i 150 e i 1900 metri. L’habitat naturale di questa specie è minacciato da cementizzazione e deforestazione, per questo motivo la Pernice dal Collare è considerata una specie prossima alla minaccia di estinzione da parte dell’organismo International Union for Conservation of Nature

Leggi Tutto Nessun Commento

Eudromia elegans

La martinetta dal ciuffo (nome scientifico: Eudromia elegans) assomiglia ad una pernice per le sue corte ali, la corta coda e le zampe da abile corridore, ma è più grande e più veloce. Caratteristiche distintive sono la cresta leggermente ricurva che le orna la testa e due linee bianche che percorrono il muso, una delle quali si trova sotto l’occhio e arriva fino alla metà del collo, la seconda parte dalla base del becco, percorre le guance e raggiunge la gola.

Il corpo è striato: il mento e la gola sono bianchi, la parte anteriore del collo e superiore del petto sono striate, mentre la parte inferiore del petto, la parte alta dell’addome, i fianchi ed il sottocoda sono barrati.

Leggi Tutto Nessun Commento

FEM2-Ambiente